CONERO DA SOGNO: SPIAGGIA DEI SASSI NERI

spiaggia dei sassi neri

Le Marche sono una magnifica regione del centro Italia ancora poco conosciuta. Le sue colline non hanno nulla da invidiare alla vicina Umbria o alla Toscana, e quanto a litorale marittimo può competere tranquillamente con le regioni limitrofe. Quindi questo’ anno ci siamo dedicati a conoscere una piccola parte di questa regione.

Il giorno in cui siamo arrivati nelle Marche abbiamo deciso di fermarci a Sirolo come prima tappa. Il nostro appartamento ha il check in dalle 16 in poi, quindi abbiamo tutta la giornata a disposizione.

Dopo alcune valutazioni scegliamo la spiaggia dei Sassi Neri.

Non è certamente una spiaggia comoda da raggiungere. Come tutte le spiagge della riviera del Conero, per arrivarci è necessario scendere il fianco della montagna. Si può scegliere di arrivarci a piedi oppure in navetta. Essendo stanchi per il viaggio abbiamo optato per quest’ ultima che, avendo due bambini al seguito, si è rivelata la scelta migliore in quanto il sentiero è veramente molto ripido e ricco di tornanti. Paesaggisticamente è un percorso stupendo: la strada attraversa il bosco e qua e là offre scorci mozzafiato sul mare.

Come raggiungere la spiaggia dei Sassi Neri

Per raggiungere la spiaggia dei Sassi Neri abbiamo seguito le indicazioni per il litorale che si trovano non appena si raggiunge l’ abitato di Sirolo.

Una volta giunti in cima alla strada, si trova una grande parcheggio sterrato, a pagamento, che offre diversi pacchetti: solo parcheggio, parcheggio + navetta, o pacchetto completo con parcheggio, navetta e ombrellone con due lettini allo Stabilimento da Silvio. Noi abbiamo scelto quest’ ultimo per 23 euro giornalieri.

Per prendere la navetta è necessario imboccare la strada che porta alla spiaggia, facilmente riconoscibile sia per le indicazioni sia perché è chiusa da un cancello elettrico, che lascia libero solo un passaggio pedonale. Un centinaio di metri oltre il cancello attendono le navette. Le navette che transitano davanti al parcheggio non si fermeranno a farvi salire, perché sicuramente stanno andando in qualche hotel o B&B a prelevare i clienti. Se non alloggiate qui dovrete superare il cancello a piedi e raggiungere il punto di raccolta.

Il percorso della navetta dura solo pochi minuti ma può mettere a dura prova anche gli stomaci più forti!

La spiaggia dei Sassi Neri

L’ autista lascia gli ospiti su una terrazza (davanti al ristorante Da Silvio) da cui si può ammirare la magnifica spiaggia dei Sassi Neri.

 

Da qui parte una scalinata in legno che scende le ultime decine di metri.

Lo Stabilimento da Silvio è esattamente alla fine della scala, sicuramente il più comodo da raggiungere, con chiosco, docce e servizi igienici, ma non l’ unico.

spiaggia dei sassi neri

La spiaggia dei Sassi Neri infatti prosegue nella spiaggia di San Michele dove sono presenti diversi altri stabilimenti balneari, oltre a tratti di spiaggia libera.

La spiaggia è abbastanza stretta, le file di ombrelloni sono solo quattro o cinque. Lasciamo le nostre cose all’ ombrellone e partiamo in perlustrazione: la spiaggia è di ciottoli, tondeggianti e levigati, di ogni colore: neri ma anche gialli, bianchi, rosa. Peraltro molti erroneamente credono che i ciottoli scuri diano il nome alla spiaggia, e così anche noi, quindi siamo rimasti stupiti vedendo che in realtà i ciottoli neri sono solo una piccola minoranza… Ma allora da dove deriva il nome? I sassi neri sono massi ricoperti dai moscioli, piccole cozze selvatiche tipiche di questa zona.

Camminare a piedi nudi non è impossibile, ma sempre meglio avere delle scarpette da scoglio o almeno ciabatte di gomma anche per entrare in acqua: infatti la sabbia qui è assente anche sul fondo.

L’ acqua non è digradante, scende anzi piuttosto rapidamente e a pochi metri dal bagnasciuga si superano già i due metri di profondità.

Come già detto la spiaggia è molto lunga, quindi è possibile fare lunghe passeggiate. Andando verso nord si può raggiungere il costone della montagna, una parete di rocce rosa, molto bella per scattare fotografie.

Abbiamo passato qui una intera giornata con i bambini, e devo dire che con un minimo di organizzazione la spiaggia dei Sassi Neri è fruibile in sicurezza anche dai piccoli. Se si scende con la navetta, come consiglio, portare il passeggino è totalmente inutile. Indispensabili invece per i piccini ciabattine e ausili per nuotare in sicurezza, come braccioli o salvagente. Mi dava noia pensare di stare sui ciottoli, essendo abituati alla sabbia, invece i sassi hanno indubbi vantaggi, come non infilarsi in ogni angolo del costume! Noi abbiamo portato il pranzo al sacco, ma il chiosco offre molta scelta fra toast, panini, insalate, frutta fresca. Le navette viaggiano fino alle 18,30.

La spesa totale del servizio spiaggia con un ombrellone e due lettini,navetta a/r e parcheggio per tutto il giorno è stata di 23 euro. La navetta è compresa per tutti i passeggeri della vostra auto al medesimo prezzo, che siate solo in due oppure in cinque come nel nostro caso.

Non vi resta che raggiungere la riviera del Conero e godere di questa magnifica spiaggia.

spiaggia dei sassi neri

24 Risposte a “CONERO DA SOGNO: SPIAGGIA DEI SASSI NERI”

  1. Abito nelle Marche e ogni tanto un giretto sulle spiagge del Conero me lo faccio. Sono davvero una meraviglia!

  2. Ho sempre pensato che con i bambini fosse meglio scegliere spiagge con sabbia ma ho provato di recente una spiaggia di sassi e i bimbi si sono divertiti lo stesso tantissimi a cercare il sasso più bello 🙂
    Quindi, proveremo anche questo . Grazie

  3. Io preferisco il mare con spiaggia s sabbia se non altro perché così posso far fare anche qualcosa a Chandra. Ma il posto sembra magnifico

  4. Le foto di questa spiaggia sono bellissime, mi piacerebbe visitarla ma per fare mare preferisco la sabbia.

  5. Non ci sono mai stata ma sembra un posto stupendo

  6. Bellissima spiaggia e le tue foto sono stupende,finalmente vedo le mie amate marche…sono orgogliosamente marchigiana!!!

    1. cristianafranzini dice: Rispondi

      Ciao Manuela, sei cittadina di una regione magnifica!

  7. Mai stata ma sembra una spiaggia da cartolina e da sogno!

  8. Non sapevo neanche cosa fosse un mosciolo, grazie di aver ampliato il mio vocabolario. A buon rendere! 😀

  9. Sono stata sulla riviera del Conero tanti anni fa. Credo di essere stata anche nella spiaggia dei Sassi Neri. Non ne sono certa, ma ho il ricordo di questi scogli coperti di piccole cozze. E’ lì che partito il tormentone tra me e mio marito sulla riproduzione delle cozze: come si riproducono le cozze? Ogni volta proviamo a dare una risposta. Ogni volta inutilmente.

    1. cristianafranzini dice: Rispondi

      Ah ah ah, sai che nemmeno io ne ho idea?? Però ho scoperto che qui nel Conero si riproducono spontaneamente, mentre di solito le cozze sono quasi sempre allevate

  10. ma che meraviglia questa spiaggia farei collezione pure io di questi sassi neri

    1. cristianafranzini dice: Rispondi

      Faresti la collezione di scogli ricoperti di cozze?? 😜😜😜

  11. Ci sono stata tanti anni fa. Leggendoti mi è tornata la voglia di conero! 😂😂😂💚💚💚

  12. Non la conoscevo ma dalle immagini sembra un paradiso! Non escludo di andarci prima o poi!

  13. Sono un’appassionata delle Marche ed il Conero è davero una splendida zona, che unisce spiagge bellissime, come quella che hai descritto, ad un’ottima cucina ed un senso dell’ospitalità raro da trovare. Bell’articolo 🙂

    1. cristianafranzini dice: Rispondi

      Hai davvero ragione Rita! E’ stato bellissimo ascoltare la gente del posto raccontarci la storia dei loro paesi!

  14. Lo sapevo che il Berlu avrebbe acquistato un locale anche li…😉😁

    1. cristianafranzini dice: Rispondi

      😂😂😂😂

  15. Ultimamente sto leggendo tantissimi articoli sulle Marche, non sapevo fosse così affascinante! Tocca organizzare un viaggio, assolutamente.

  16. Il Conero è una zona belllissima, ci sono stata tanti anni fa ma solo di passaggio, per andare in Puglia. Ho amato il mare da una parte ed il verde dall’altro. Non conoscevo invece spiaggia dei sassi neri, molto affascinante e caratteristica. devo proprio ritornarci con calma

  17. Non sapevo che a Sirolo ci fosse una spiaggia nera. Grazie x la dritta

    1. cristianafranzini dice: Rispondi

      In effetti non c’è una spiaggia nera, è così detta per via dei massi ricoperti di moscioli

  18. Dalle foto sembra davvero una bellissima spiaggia. Non la conoscevo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.