COSA VEDERE NELLE MARCHE, A PARTE IL MARE

Se durante una vacanza nella bellissima regione Marche vi stancate del mare e della spiaggia, cosa potete fare? Sicuramente visitare l’ entroterra. Le colline marchigiane sono dominate da molti piccoli borghi di origine medievale, molti dei quali perfettamente conservati.

Durante la nostra vacanza di cinque giorni nelle Marche abbiamo conosciuto quattro di questi magnifici borghi: Loreto, Montelupone, Recanati e Offagna. Noi li abbiamo visti in giorni diversi, per non appesantire la giornata ai bambini, ma se volete con un minimo di organizzazione potete vederli tutti in un giorno solo. Cliccate sui puntatori della mappa!

Loreto

Per questa visita dovrete partire sicuramente da Loreto e dal suo santuario, che apre le visite ai fedeli già alle 6,15 (chiusura alle 19). Seguite quindi le indicazioni per i parcheggi (a pagamento) e salite sull’ altura che ospita il santuario, costruito come un vero tempio-fortezza, con il Torrione Rotondo che domina.

Attraversate le alte mura del palazzo Apostolico e lasciatevi incantare dalla facciata della basilica che si staglia in tutto il suo candore.

Basilica di Loreto

Attraversate piazza della Madonna e entrate in basilica, costituita da 3 ampie navate che permettono ai fedeli di ammirare da ogni punto della chiesa la Santa Casa di Maria. Di cosa si tratta? Secondo la tradizione al santuario di Loreto è conservata la Santa Casa di Maria. La casa di Maria a Nazareth era costituita da una grotta e da una stanza in muratura delimitata da 3 pareti, che furono trasportate a Loreto il 10 dicembre 1294 dopo l’ espulsione dei crociati dalla Palestina. In realtà alcuni documenti sembrano indicare che le Sante Mura furono date in dote ad Ithamar Angeli, che andava in sposa a Filippo di Taranto, figlio di Carlo II D’ Angiò.

La Santa Casa è visitabile (ma non fotografabile) all’ interno della basilica. Essa è custodita in un grande rivestimento in marmo, che sorge alle spalle dell’ altra principale, realizzato su progetto del Bramante nel 1507 circa. Si dice che lo ideò ispirandosi a un arco di trionfo o all’ Ara Pacis.

cosa vedere nelle marche
Santa Casa di Maria

All’ uscita dalla basilica potete decide se visitare il Museo Pontificio della Santa Casa, aperto con orari 10-13 e 15-18 ad ingresso gratuito. Si compone di 30 sale dislocate nel palazzo Pontificio alla sinistra e di fronte al santuario. Offre la possibilità di ammirare alcune tele di Lorenzo Lotto, pittore molto attivo nelle Marche attorno al 1500, e varie collezioni religiose. Se siete interessati a una visita guidata, queste si svolgono con i seguenti orari: feriali 8-19 ;festivi 12,30-16,30. Più informazioni qui

Inoltre è possibile fare una visita guidata ai camminamenti di ronda, che consentono di visitare le fortificazioni della basilica e godere di panorami mozzafiato. Durata circa 40 minuti, la biglietteria si trova in piazza della Madonna.

La visita del santuario, senza il museo, e una passeggiata per la via principale di Loreto, corso Boccalini, prendono circa un ‘ora.

Montelupone

Da Loreto in pochi minuti di auto potete spostarvi a Montelupone, paese medievale che rientra a pieno diritto fra i Borghi più Belli d’ Italia. E’ costruito interamente in pietra facciavista e sorge in cima una collina. Montelupone conserva le mura dell’ antico castello,le quattro porte di ingresso e il palazzo del Podestà del XIV secolo con la bella torre civica.

cosa vedere nelle marche
una delle porte di Montelupone

Il nome di Montelupone sembra derivare dalla famiglia longobarda dei Luponi, a testimonianza della lunga storia di questo borgo. Ma forse l’ evento storico più importante è la nascita di uno dei primi moti carbonari d’ Italia. Una lapide in via Garibaldi ricorda il tentativo, fallito, di ribellione dei monteluponesi al governo francese:

Nel 1817

Pochi animosi di Macerata e delle terre vicine

affratellati nella società dei Carbonari qui si accordarono

per insorgere contro la tirannide sacerdotale e straniera

ma scoperti e oppressi giacquero nelle galere pontificie.

Concedetevi un caffè o un aperitivo nel bar del teatro, proprio nella piazza principale.

Vi segnalo inoltre la presenza del Museo Storico Fotografico,in via Regina Margherita al civico 4, che ospita attrezzature fotografiche e oltre 800 foto e stampe d’epoca che descrivono le varie tecniche di stampa dall’800 fino alla nascita del digitale.

Recanati

Dopo una bella passeggiata a Montelupone dirigetevi a Recanati, famosissimo per il suo illustre cittadino Giacomo Leopardi. Qui da vedere ci sono parecchie cose. Io vi consiglio di recarvi subito all’ infopoint turistico dove vi daranno una cartina e tutti gli orari di ingresso ai vari musei, in base a quali potrete pianificare la vostra visita. Potrete fare anche un biglietto cumulativo per il museo Gigli, Villa Colloredo e la Torre del Borgo. La Biblioteca di Casa Leopardi invece richiede un biglietto a parte da acquistare in una biglietteria a parte (davanti a Casa Leopardi). Qui trovate tutte le indicazioni del caso.

Noi abbiamo scelto di vedere ovviamente la Biblioteca di Casa Leopardi, la cui visita è sempre guidata e dura circa 30-40 minuti. L’ orario esatto vi verrà fornito quando acquisterete il biglietto, ma essendo continue il tempo di attesa sarà minimo. La visita parte dall’ androne del palazzo, che ospita tutt’ ora 4 famiglie di discendenti di Pierfrancesco Leopardi, fratello minore di Giacomo e unico ad aver dato seguito alla famiglia.

Ci ha molto colpito il fatto che vi sia una piccola stanza dedicata ai selfie….con una finta finestra, con il busto del poeta e con una ricostruzione di biblioteca.

Dopo le foto di rito, la guida vi accompagnerà lungo lo scalone che conduce all’ unico piano visitabile del palazzo: la biblioteca. Questa raccoglie circa 20.000 volumi, un tesoro inestimabile, e qui il piccolo Giacomo studiava con i suoi fratelli Carlo Orazio e Paolina, seguito da maestri privati. Il padre Monaldo teneva moltissimo all’ istruzione dei suoi figli, e Giacomo dimostrò ben presto le sue doti straordinarie: nella biblioteca è possibile osservare alcuni manoscritti che dimostrano come, a meno di 10 anni, stesse imparando da solo il greco e l’ ebraico partendo dal latino, grazie allo studio della Bibbia Poliglotta, scritta in 9 lingue diverse.

Le finestre della biblioteca si affacciano sula piazza della chiesa e sulla casa della sua cara Silvia, musa ispiratrice. Anche la casa di Silvia è visitabile, con un biglietto a parte.

Dopo la biblioteca abbiamo percorso le vie di Recanati fino alla chiesa di San Vito che ospita una mostra su Giacomo Leopardi fino a fine agosto 2018, e poi ci siamo diretti alla Torre del Borgo: una bella scarpinata fino in cima, percorrendo lungo le rampe tutta storia di Recanati, ma la vista che si gode da lassù è sublime.

Cosa vedere nelle Marche
Recanati

Se avete tempo e voglia, potete raggiungere anche il museo di Villa Colloredo che ospita alcune opere importanti di Lorenzo Lotto e il museo dell’ emigrazione marchigiana.

Offagna

Siete stanchi?? Forza, manca solo Offagna all’ appello! Da Recanati impiegherete una mezz’ ora di auto per raggiungere l’ ultimo gioiello del nostro tour.

 

cosa vedere nelle marche
Offagna

Offagna è un piccolo borgo a 309 m.s.l. La sua Rocca domina lo sperone roccioso su cui sorge. Cosa vedere? beh, appunto la Rocca, che ospita anche uno dei tre musei del paese, il Museo delle Armi. L’ ingresso della Rocca è in piazza del Maniero e il costo è di 5 euro ( 10 euro biglietto cumulativo per tutti i musei) ed è senz” altro il monumento principale di Offagna. Fu costruita in soli due anni a partire dal 1454 ed è un esempio classico di architettura militare del periodo fra la fine del Medioevo e l’ inizio del Rinascimento. All’ interno potrete visitare sia il cortile con le segrete,camminare intorno alle mura e raggiungere i merli della torre.

cosa vedere nelle marche
Rocca di Offagna

Fate attenzione, le rampe di scale in alcuni punti sono strette e peccano un po’ in sicurezza. Se riuscirete ad arrivare fino in cima, godrete di una vista stupenda sulla campagna marchigiana.

Oltre al museo delle Armi all’ interno della Rocca potrete visitare anche il Museo di Scienze Naturali e il Museo della Liberazione, entrambi nei pressi del Monastero di Santa Zita. Noi invece ci siamo dedicati alla piccola chiesa di Santa Lucia e alla chiesa del monastero delle Salesiane, che ospita la mostra sull’ architetto Andrea Vici (ingresso gratuito).

Avete visto tutto? a occhio e croce dovrebbe essere arrivata l’ ora di cena. Noi abbiamo cenato al ristorante Il Cresciolo, e non posso non consigliarvelo. Si trova in via Boccolino di Guzzone, un vicolo cieco sotto alla scalinata che conduce alla Rocca.

cosa vedere nelle marche
Il Cresciolo

Qui si può cenare sia nella sala interna, che regala una vista panoramica straordinaria, sia nei tavolini all’ aperto.

Noi abbiamo scelto uno di questi, elegantemente apparecchiati. Cosa si mangia al Cresciolo? Ottimi piatti a base di prodotti locali, con una buona offerta anche per vegetariani e vegani, e anche ottime pizze sulla pala, tutte da scoprire. Il sito internet del ristorante recita

I piatti della tradizione sono rivisitati con estro e creatività, i dolci e la panificazione sono quotidiani

E non possiamo dire che menta!

cosa vedere nelle marche
menù de Il Cresciolo

Abbiamo optato per la pizza, scegliendo la Margherita, la Bufala con acciughe e capperi e la pizza grand gourmet Il Cresciolo, condita con mozzarella, erbe di campo, ciauscolo, pere e pecorino. Una vera prelibatezza. Da bere abbiamo scelto un classico marchigiano, il verdicchio di Jesi, che con il suo sapore acidulo e fresco si abbina bene anche alla pizza.

cosa vedere nelle marche
la nostra pizza gourmet Il Cresciolo

Allora che ne dite di questa giornata?! Di sicuro se qualcuno vi chiederà

Cosa vedere nelle Marche, a parte il mare?

Saprete cosa rispondere!

2 Risposte a “COSA VEDERE NELLE MARCHE, A PARTE IL MARE”

  1. Sono stata a Recanati! Meraviglia delle meraviglie! Da tornarci di sicuro! Anche se il mio amore rimane sempre Urbino!

  2. Le Marche sono bellissime, ho fatto un lungo giro l’anno scorso e, a parte Recanati, non ho visitato niente di quanto hai suggerito tu. Per dire quanto c’è da vedere. Devo tornarci!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.